Attack on Titan 2 – Recensione

PC PS4 SWITCH XBOX ONE
Acquista su Amazon

La serie di Attack on Titan è stata sicuramente una delle serie anime di maggior successo su Netflix, il celebre servizio di streaming online per film, serie TV e, ovviamente, anime.  Al momento sono disponibili già due stagioni tratte dal manga firmato da Hajime Isayama, e come spesso accade il successo non si è limitato solamente alla trasposizione televisiva.

Puntuali, infatti, sono usciti ben 2 giochi dedicati ad Attack on Titan: il primo, Wings of Freedom, arrivato sul PC e console nel 2016, aveva riscosso un discreto successo, nonostante alcuni difetti abbastanza rilevanti (primo fra tutti, quello legato alla telecamera), ed era stato anche abbastanza penalizzato qui da noi, da un punto di vista commerciale, dalla mancanza della lingua italiana, requisito ormai chiesto a gran voce dalla maggioranza degli utenti anche per titoli fortemente action come questo.

Ora che è arrivato questo sequel,  spesso indicato (correttamente, visto che è il titolo esatto) come A.O.T.2, possiamo dirvi fin da subito che quasi tutti i problemi del precedente capitolo  sono stati risolti, e soprattutto possiamo confermarvi che Attack on Titan 2 ha finalmente menù e sottotitoli in italiano. Ma andiamo per gradi.

Un corpo e un Anime

Quando arriva il nuovo capitolo di una saga, una delle domande più ricorrenti è: si può giocare a questo secondo capitolo senza aver giocato il primo? In tanti infatti, specie per la presenza dell’italiano solo in questo seguito, magari vorrebbero partire direttamente da Attack on Titan 2. Bene, la risposta è: si, potete partire direttamente da Attack on Titan 2 senza aver giocato il primo.

AOT2 infatti non ripercorre, come qualcuno potrebbe pensare, solo gli eventi della seconda stagione dell’anime, ma anche quelli della prima. Inoltre questa volta non vestirete i panni del protagonista Eren Jeager, ma dovrete creare il vostro avatar ed affrontare una corposa modalità storia al fianco dei famosi protagonisti della serie, il tutto arricchito da una vasta sezione di “vita di città” dove potrete esplorare, risolvere problemi e stringere alleanze,  il che rappresenta di fatto un nuovo punto di partenza per la serie.

Un gigante grande così

Il vero punto di forza del gioco però, come era prevedibile, rimangono le sequenze d’azione, che riescono a ricreare alla perfezione le emozioni che abbiamo avuto modo di vedere sui nostri schermi. Il mondo di Attack on Titan, infatti, è un mondo post-apocalittico popolato da enormi giganti che attaccano le città e cercano di mangiare gli essere umani che ci vivono. Alle unità di combattimento, di cui noi ovviamente facciamo parte, spetta dato il compito di difenderle ed abbattere i giganti utilizzando armi da taglio e da fuoco, e soprattutto usando l’Attrezzatura per il Movimento Tridimensionale, ossia un dispositivo che permette, utilizzando funi e gas ad alta pressione, di compiere salti enormi per affrontare al meglio i giganti.

Anche in questo secondo capitolo i combattimenti rimangono altamente spettacolari ed esaltanti, regalando davvero grandissime soddisfazioni ai fan dell’anime. Inoltre  la telecamera ora riesce a seguire l’azione decisamente meglio di quanto visto nel primo capitolo. Ad arricchire tutto ciò, in A.O.T.2 è richiesto un livello di strategia un pò più alto rispetto al primo episodio, il che rende i combattimenti finalmente più vari e decisamente meno ripetitivi.

Tutto bene dunque? Purtroppo no: ovviamente qualche difetto come sempre c’è, e se poco sopra vi abbiamo detto che finalmente la telecamera è stata migliorata molto rispetto al primo A.O.T., c’è però da dire che abbiamo registrato ancora numerosi momenti in cui era veramente difficile gestirla al meglio, specie durante i combattimenti. Alcune fasi più concitate infatti si riveleranno a tratti confuse, e la morte potrebbe arrivare per una telecamera che fa le bizze rendendovi difficile la gestione del combattimento.

E parlando di fasi più concitate, non possiamo non segnalare alcuni improvvisi cali di frame-rate, che ci hanno fatto davvero storcere il naso (anche se dobbiamo precisare che noi abbiamo avuto modo di provare solamente la versione Xbox One, e non abbiamo avuto modo di testare le altre versioni).

Un vero peccato, perchè per il resto Attack on Titan 2 tecnicamente è davvero un bel vedere, con un ottima colonna sonora (ovviamente presa dall’anime) e una grafica cell-shading davvero  bellissima a vedersi, a patto ovviamente di apprezzare il genere.

Il gioco di Attack on Titan che volevamo

Attack on Titan 2 realizza i sogni dei fan dell’anime e del manga, regalandoci un capitolo perfettamente giocabile anche da chi non ha potuto (o voluto) godersi il primo capitolo, finalmente tradotto in italiano, con combattimenti spettacolari, una modalità storia lunga e profonda, ed un alter-ego da creare da zero che vi offrirà un punto di vista diverso della storia, non più vissuta solo con gli occhi del protagonista Eren Jeager. Permangono alcune difficoltà della telecamera, ancora non completamente risolte rispetto al primo capitolo, e alcuni problemi tecnici legati ad occasionali cali di frame rate, ma nonostante questo A.O.T. 2 rimane un gioco estremamente divertente ed appagante, assolutamente consigliato a tutti i fan del manga e dell’anime attualmente disponibile su Netflix.

Pro

  • Divertente ed adrenalinico
  • Modalità storia lunga ed articolata
  • Godibile anche da chi non ha giocato il primo
  • Sottotitolato in italiano

Contro

  • Rimangono alcune difficoltà legate alla telecamera
  • Occasionali cali di frame rate
8

Bello

Svezzato a NES, cresciuto a PlayStation e Xbox e sfamato a PC gaming. Ha accolto con entusiasmo il progetto videogiocare.it. Purtroppo spesso non è d’accordo con il pensiero generale riguardo i giochi, ma qualcuno deve pur cantare fuori dal coro. Il suo motto è: “Bisogna prestare poca fede a quelli che parlano molto”. Oh, non lo ha detto lui, ma Catone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Lost Password