Ni no Kuni II: Il Destino di un Regno – Recensione

PC PS4
Acquista su Amazon

Da qualche giorno abbiamo finalmente potuto giocare anche noi a Ni no Kuni II: Il Destino di un Regno, seguito dell’ottimo Ni No Kuni arrivato diversi anni fa su PlayStation 3, e che stavolta arriva su PlayStation 4 e PC con una storia completamente inedita, e che non richiede quindi di aver giocato al precedente capitolo. Anche questa volta abbiamo scelto di raccontarvi le nostre opinioni e i nostri commenti sul gioco tramite Press Play On Tape, la nostra rubrica video originale in cui affrontiamo, con il solito tono amichevole ed informale, gli argomenti più caldi del mondo videoludico, oltre appunto alle videorecensioni dei giochi più interessanti.

Ma per chi preferisce invece la lettura qui sotto trovate la recensione testuale e il giudizio riassuntivo sul gioco provato, oltre ovviamente alla pagella finale. Buona visione e buona lettura!

Splendido splendente

Ni no Kuni II: Il Destino di un Regno si è rivelato un titolo davvero divertente e rilassante da giocare, con un combat system stavolta di stampo action riuscito e con un comparto artistico e musicale davvero splendido. Il gioco della Level-5 farà davvero la gioia dei vostri occhi e delle vostre orecchie, catapultandovi in quello che, a conti fatto, è davvero il paradiso videoludico (tecnicamente parlando) per gli appassionati di action RPG in stile anime.

Peccato però che Ni no Kuni II soffra di due difetti davvero troppo evidenti e pesanti per essere ignorati, e che gli impediscono di arrivare nell’olimpo del genere. Il primo riguarda la trama, davvero troppo elementare ed infantile, avara di sussulti e colpi di scena che tengano alto il livello di attenzione dei giocatori più smaliziati.

Il secondo invece riguarda un livello di difficoltà eccessivamente livellato verso il basso, che di fatto rende a volte più difficile morire che sopravvivere agli scontri. Esistono, è vero, alcuni scontri impegnativi, ma sono davvero un’eccezione. Nella maggioranza delle battaglie più impegnative o nelle boss fight, infatti, vi basterà ricorrere agli oggetti di guarigione o di rinascita per terminare lo scontro con una vittoria semplice e rapida.

Questo non vuol dire però che Ni No Kuni II sia un gioco brutto, anzi: il gameplay, per quanto rilassato, scorre via in modo tutto sommato gradevole, e le tante novità inserite dai ragazzi di Level-5, come le battaglie campali strategiche o l’amministrazione del regno tramite un’interessante fase gestionale, rendono il gioco meno ripetitivo del previsto. Inoltre non sarà raro giocare con un bel sorriso stampato sul volto per la bellezza grafica e musicale che il gioco saprà regalarvi.

Davvero bello, nonostante qualche difetto

Ni no Kuni II: Il Destino di un Regno è un gioco davvero bellissimo da vedere e ascoltare, ma le sessioni di gioco soffrono di due difetti evidenti. Il primo riguarda una difficoltà eccessivamente livellata verso il basso, mentre il secondo è legato ad una trama davvero troppo semplice ed elementare, priva di mordente e di colpi di scena. Purtroppo la loro combinazione rende il gioco leggermente noioso in alcune fasi, impedendo a Ni No Kuni 2 di elevarsi a nuovo emblema degli action RPG di stile anime. Un gioco però da non sottovalutare, che rimane comunque un ottimo titolo che scorre via leggero e spensierato. Se amate il genere fatelo vostro: forse non sarà il gioco più impegnativo e coinvolgente che giocherete su PS4 o PC, ma rimane comunque un titolo artisticamente splendido, capace di regalarvi ore ed ore di gioco piacevole e rilassante.

Pro

  • Artisticamente splendido
  • Splendida colonna sonora
  • Buona varietà di situazioni di gioco

Contro

  • Davvero troppo facile
  • Trama infantile e avara di colpi di scena
8.2

Bello

Chi è esattamente TecnologicMan? Chi si nasconde dietro quegli enormi occhiali da sole a specchio, eredità di un terribile look anni 80 a cui rimane costantemente e nostalgicamente attaccato? Non lo sa quasi nessuno. Quel che è certo che si diverte a guardare l'attuale mondo videoludico con l'occhio critico di chi ne ha viste tante, condividendo opinioni, giudizi e provocazioni nella rubrica "TecnoPensieri".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Lost Password