Shadow of the Colossus – Recensione

PS4

Shadow of the Colossus, il gioco firmato Fumito Ueda che ha fatto innamorare tantissimi giocatori, dopo la versione PS2 era già sbarcato su PS3 in versione HD, ma stavolta torna su PS4 in una versione completamente nuova da un punto di vista tecnico, regalandoci un mondo affascinante e poetico a 1080p e 60 fps. Noi, grazie a Sony, abbiamo avuto modo di provare il gioco, e siamo quindi finalmente pronti a dirvi la nostra.

Anche questa volta abbiamo scelto di raccontarvi le nostre opinioni e i nostri commenti sul gioco tramite Press Play On Tape, la rubrica video originale in cui affrontiamo, con il solito tono amichevole ed informale, gli argomenti più caldi del mondo videoludico, oltre appunto alle videorecensioni dei giochi più interessanti.

Noi, ovviamente, vi consigliamo la visione del video, ma per chi preferisce invece leggere abbiamo deciso di introdurre nuovamente la recensione testuale, con un lungo commento al gioco e il giudizio riassuntivo a fine articolo. Oltre, ovviamente, alla pagella finale.

Emozioni in una veste tutta nuova

Shadow of the Colossus ci ha fatto di nuovo innamorare esattamente come la prima volta. Sarà che i Giochi, almeno quelli con la G maiuscola, invecchiano davvero bene, riuscendo sempre a regalare nuove emozioni o a ricordare alla perfezione quelle sopite. Personalmente avevo già giocato la versione PS2 (e non quella PS3), ma l’esperienza di gioco si è rivelata nuovamente sorprendente ed appassionante.

Il gioco è davvero bellissimo da vedere nella nuova veste grafica, completamente inedita. Noi abbiamo giocato il titolo inviatoci da Sony su un televisore Full HD da 48 pollici, a 1080p e 60fps con una PS4 normale, e possiamo dirvi che lo spettacolo visivo e musicale è stato davvero splendido.

Chi si aspettava però qualche novità, anche piccola, rimarrà però deluso. Il titolo infatti è esattamente lo stesso già uscito sia su PlayStation 2 che su PlayStation 3, e non introduce nessun nuovo elemento di gioco.

Se quindi avevate già giocato una della precedenti incarnazioni di Shadow of the Colossus, e magari speravate in uno o due colossi nuovi da scalare, purtroppo le vostre speranze sono destinate a rimanere deluse.

Si tratta in ogni caso di un titolo davvero splendido, da non farsi assolutamente scappare se non avete avuto modo di giocarlo in una delle precedenti incarnazioni, o se (come nel mio personalissimo caso) magari avete giocato la versione PS2 e dopo tanti anni avete voglia di giocarlo e di emozionarvi nuovamente davanti al capolavoro firmato Fumito Ueda.

Una poesia più bella che mai

Shadow of the Colossus è esattamente come ce lo aspettavamo, anche perchè sapevamo già da tempo la mancanza di novità rispetto alle precedenti versioni per PlayStation 2 e PlayStation 3. Si tratta di un gioco ancora oggi appassionante, che regala una storia profonda e commovente ed un mondo affascinante. Tecnicamente poi adesso il gioco è davvero un bel vedere, con una grafica completamente inedita che con i suoi 1080p e 60fps riesce davvero ad incantare. Un gioco consigliatissimo, con la sola riserva di valutare bene l’acquisto se avete già giocato le precedenti versioni e siete alle ricerca di qualche novità, che purtroppo qui (lato tecnico escluso) non troverete.

Pro

  • Ancora oggi un gioco appassionante
  • Storia profonda e commovente
  • Tecnicamente splendido

Contro

  • Nessuna novità
8.8

Bello

Gli spetta per acclamazione (si fa per dire...) l'ingrato compito di dirigere Videogiocare.it. Cresciuto a pane e Commodore 64, riscopre la passione per i videogames proprio quando pensava fosse finito il tempo di giocare. Il suo motto preferito è: "Non prendere la vita troppo sul serio, tanto non ne uscirai vivo!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Lost Password