Tom Clancy’s Ghost Recon Wildlands: Ubisoft annuncia l’open beta della modalità PvP Ghost War

La nuova modalità multiplayer 4vs4 sarà disponibile in un aggiornamento gratuito per tutti i possessori del gioco

NOTIZIE VIDEOGIOCHI – Ubisoft ha annunciato oggi l’arrivo di una fase beta per Ghost War, la nuova modalità PvP di Tom Clancy’s Ghost Recon Wildlands. L’Open Beta sarà disponibile per tutte le piattaforme nei prossimi mesi mentre la modalità completa sarà disponibile questo autunno in seguito ad un aggiornamento gratuito per tutti i possessori di Ghost Recon Wildlands.

In Ghost War, due team si sfideranno in deathmach quattro vs quattro basati sulle strategie di squadra che i giocatori hanno imparato a conoscere in Ghost Recon Wildlands. I giocatori avranno la possibilità di scegliere il proprio ruolo sul campo di battaglia mentre abbattono gli avversari su mappe di gioco estese ed estremamente varie. Ghost War integra nuove meccaniche PvP, incluso il fuoco di copertura, per creare una vera strategia militare multiplayer con il proprio team.

Sviluppato da Ubisoft Paris, Tom Clancy’s Ghost Recon Wildlands è uno sparatutto militare interamente giocabile in cooperativa fino a 4 giocatori o in singolo dall’inizio alla fine. I giocatori hanno totale libertà di scelta sulla strategia da utilizzare per portare a termine la missione e osservare come il mondo reagisce alle loro azioni. I giocatori possono scegliere di muoversi nella notte, attaccare all’alba, o lavorare insieme per eseguire un tiro sincronizzato ed eliminare i nemici in un colpo solo. Ogni scelta ha delle conseguenze e i giocatori dovranno improvvisare o adattare i propri piani per portare a termine con successo la missione.

Per vedere l’anteprima di Ghost War, potete gustarvi il nuovo trailer sopra la notizia.

Webmaster secoli fa di AniGames.it e PlayNow.it, ora Founder di Videogiocare.it. Appassionato di tecnologia in generale e videogiochi in particolare, inizia il cammino di gamer con una introvabile Irradio TVG 888, per poi innamorarsi completamente del Commodore 64. Il resto è storia. Il suo motto è: "Questo è un problema per il Fabio del futuro".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Lost Password