Happy Home Designer – Recensione

3DS

CARO ARCHITETTO DI INTERNI, FACCIA DEL SUO MEGLIO

Se amate l’idea di diventare un interior design ed apprezzate la saga di Animal Crossing, questo gioco fa proprio per voi. In Animal Crossing: Happy Home Designer il fulcro del gioco è proprio quello di arredare decine e decine di case nel modo più disparato.  Nel gioco dovremo lavorare per l’Immo Nook, una sorta di agenzia immobiliare del personaggio di gioco Tom Nook. Ogni cliente che si rivolgerà a noi ci chiederà di rendere il suo immobile più vivace, allegro ed appettibile che mai. Per fare questo avremo diversi oggetti da gestire, che potranno essere spostati agilmente nel gioco grazie al pennino del Nintendo 3DS che permetterà di compiere diverse azioni , il più delle volte eseguibili attraverso un comodissimo drag and drop su schermo. Quello che differisce notevolmente dagli episodi classici della serie di Animal Crossing è che il fulcro del gioco in questo caso è, e resta, solo l’attività di arredatore di interni. Sebbene creare arredamenti e far diventare una stanza vuota in cui compare l’eco se ci si parla dentro un luogo accogliente e colorato sia divertente, il problema principale di questo spin off di Animal Crossing  è che il giocatore non è poi così stimolato a fare ciò. Nei giochi di Animal Crossing creare una casa ad hoc equivaleva, oltre ad ottenere una soddisfazione personale,  a ricevere premi e  svariati riconoscimenti. Tutto ciò non accade, perché se in Animal Crossing: Happy Home Designer lavoreremo male, nessuno ci sottolineerà la cosa in alcun modo. Insomma la sfida non esiste. L’unico vantaggio ad accettare lavori diversi è quello di collezionare altri personaggi dentro il gioco con cui interagire, ma soprattutto altri oggetti , sempre più vari, per continuare a sfogare la nostra fantasia da arredatore di interni.

 

GIUDIZIO

Tutti noi, chi più chi meno, amiamo la serie di videogiochi di Animal Crossing. Il suo ritmo lento che riproduce una pacifica comunità in cui vivere è una esperienza rilassante nonché stimolante. Sebbene  questo Animal Crossing: Happy Home Designer possa far credere dal titolo che anche questo prodotto appartenga all’universo di Animal Crossing, la verità è decisamente diversa. Scopo del gioco è solo quello di arredare gli interni, bearsi delle proprie creazioni e scattare qualche foto virtuale da condividere nel Miiverse. Un po’ poco per mantenere l’interesse di gioco in maniera duratura. E’ pur vero che, oltre alle case, spesso avremo a che fare anche con l’abbellimento di luoghi pubblici, e la cosa porterà un minimo di varietà a tutto il gameplay.

Con delle particolari carte, sia sul New Nintendo 3DS che su quello normale tramite un apposito adattatore, è inoltre possibile aggiungere veri e proprio eventi durante il gioco, come delle feste piene di amici. Questo Animal Crossing: Happy Home Designer è un gioco che potrebbe regalare ore piacevoli a tutti i giocatori collezionisti e provetti arredatori, ma che scontenterà tutti coloro che vogliono anche ottenere un premio ed una valutazione effettiva per ciò che creano durante il gioco, proprio come negli episodi canonici della serie. Gli stimoli, insomma, non sono molto presenti in questo gioco. Tutto ciò cosa fa apparire  Animal Crossing: Happy Home Designer  solo un derivato ludico della serie senza troppe idee.

Pro

  • E' sempre il mondo di Animal Crossing
  • Arredare risulta divertente

Contro

  • Troppo limitato come gameplay
  • Non ci sono molti stimoli per giocare
  • Nessuno giudicherà le vostre creazioni
6.5

Sufficiente

L'amore per i videogiochi arriva nel momento in cui compare un fiammante ZX Spectrum nella sua vita all'età di 8 anni. A 40 anni ancora non ne ha abbastanza di videogiocare. Non si sa se la vita è un gioco, ma una cosa è certa: giocare aiuta a vivere nel migliore dei modi. Il suo motto preferito è: "Non esistono luoghi che non possano essere raggiunti seguendo le strade della fantasia".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Lost Password