Divinity: Original Sin Enhanced Edition – Recensione

PC PS4 XBOX ONE

NUOVO MA NON TROPPO

A un anno di distanza dal debutto di Divinity: Original Sin i ragazzi di Larian Studios ritornano sui nostri gamepad con una nuova versione del loro RPG di successo. Divinity: Original Sin Enhanced Edition è un gioco di ruolo davvero old school che attinge a piene mani al classico dei classici: Dungeons & Dragons. Miscela sapientemente avventura, un ottimo intreccio, combattimenti a turno, umorismo e grande possibilità di customizzazione dei personaggi. Orchi, draghi, maghi (stavolta con la bacchetta) saranno i cattivoni che i nostri beniamini dovranno affrontare per riportare la pace. La storia originale parte da un indagine per un omicidio per poi scoprire un enorme complotto di cui venire a capo. In questo nuovo capitolo la trama non cambia ma si aggiungono nuovi personaggi, nuove opzioni e soprattutto un nuovo finale, vero motivo per ricominciare a giocare un gioco con una durata di circa 80 ore. Cominceremo la nostra epica avventura con 2 personaggi, cui dovremo prestare molta attenzione nel farli diventare ciò di cui abbiamo bisogno, che diventeranno presto 4 per portare a termine la nostra storia. L’enorme mondo fantasy creato dagli sviluppatori ora potremo affrontarlo anche con 2 nuovi livelli di difficoltà e in più nuovi personaggi, nuove quest e missioni rielaborate.

Divinity Original Sin Enhanced Edition_07

GIUDIZIO

Nato come una promessa e sovvenzionato da Kickstarter i programmatori con questo RPG hanno mantenuto le aspettative con l’uscita del titolo originale, e si sono confermati un’altra volta con questo nuovo capitolo. Ribadisco che la bellissima trama e i passaggi della storia terranno incollati i giocatori per molte ore anche se il gioco non è assolutamente tra i più facili. Disponiamo di un enorme quantità di dati che riguardano i nostri personaggi e tutto ciò che incontriamo sul nostro cammino, ma tutta questa completezza lo rende estremamente difficile da dominare. I menù sono complessi e la difficoltà ad imparare a giocare è tanta. La co-op drop in/drop out è molto fluida permettendo con facilità di entrare nella partita e prendere il controllo di uno dei due personaggi principali. È inoltre stata aggiunta una modalità split screen dinamica con la schermata che si dividerà solamente quando i due giocatori saranno lontani.
Divinity Original Sin Enhanced Edition_09Comunque i signori della Larian hanno trasposto tutto il buono del primo capitolo in questa nuova versione migliorando la spettacolarizzazione ma trascinandosi dietro anche i limiti di un gioco che comunque è diventato una pietra miliare del genere. Un nuovo doppiaggio unito alle fatiche di gruppo di fan italiani che ha tradotto amatorialmente il gioco donerà agli appassionati i sottotitoli in italiano. Inoltre nella trasposizione da Pc a console gli sviluppatori hanno creato un sistema di controllo pensato appositamente per i gamepad di PS4 e Xbox One. Divinity: Original Sin Enhanced Edition nonostante tutto resta comunque un titolo di nicchia, infatti solo la passione per questo genere può portare a termine un gioco così difficile e lungo.

 

Pro

  • Ottima trama
  • Interfaccia che si adatta ai nuovi pad
  • Nostalgico split screen

Contro

  • Troppo difficile
  • Troppo lungo
8

Bello

Svezzato a NES, cresciuto a PlayStation e Xbox e sfamato a PC gaming. Ha accolto con entusiasmo il progetto videogiocare.it. Purtroppo spesso non è d’accordo con il pensiero generale riguardo i giochi, ma qualcuno deve pur cantare fuori dal coro. Il suo motto è: “Bisogna prestare poca fede a quelli che parlano molto”. Oh, non lo ha detto lui, ma Catone.

Lost Password