HITMAN 2, disponibile la seconda missione Bersaglio Elusivo con Vicente Murillo

HITMAN 2, disponibile la seconda missione Bersaglio Elusivo con Vicente Murillo

Warner Bros. Interactive Entertainment e IO Interactive hanno rilasciato la seconda missione Bersaglio Elusivo di HITMAN 2, con protagonista Vicente Murillo, un ribelle noto come “Il Rivoluzionario” misteriosamente scomparso negli anni ’80 in Sud America.

Ora Murillo è tornato, deciso a creare un nuovo ordine mondiale iniziando dalla Colombia. Stando ai rapporti, sfruttare il suo narcisismo, la sua propensione a mentire e la paranoia derivante dal suo alcolismo può aiutare l’Agente 47 a neutralizzare il leader della milizia e a porre fine una volta per tutte ai suoi piani rivoluzionari.

Di seguito potete vedere il trailer ufficiale della missione dedicata al Bersaglio Elusivo 2, Il Rivoluzionario di HITMAN 2.

Il Bersaglio Elusivo numero 2, intitolato Il Rivoluzionario, è disponibile fino al 30 dicembre all’interno di Santa Fortuna (Colombia) e i giocatori avranno la possibilità di riuscire a eliminare Vincent Murillo (alias “Il Rivoluzionario”) solamente durante questi 10 giorni. I giocatori che completeranno la missione riceveranno il costume da Turista della domenica con guanti.

In HITMAN 2, i Bersagli Elusivi sono contratti eccezionali ed estremamente rischiosi che rimangono disponibili solo per un periodo limitato di tempo. Tutti i giocatori che possiedono HITMAN 2 possono cimentarsi gratuitamente in queste missioni, ma avranno a disposizione solamente un tentativo per cercare di assassinare il bersaglio e portare a termine il contratto.

Vi ricordiamo che HITMAN 2 è disponibile ora per PlayStation 4, PlayStation 4 Pro, la famiglia di dispositivi Xbox One (compresa la Xbox One X) e PC.

Svezzato a NES, cresciuto a PlayStation e Xbox e sfamato a PC gaming. Ha accolto con entusiasmo il progetto videogiocare.it. Purtroppo spesso non è d’accordo con il pensiero generale riguardo i giochi, ma qualcuno deve pur cantare fuori dal coro. Il suo motto è: “Bisogna prestare poca fede a quelli che parlano molto”. Oh, non lo ha detto lui, ma Catone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono indicati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Lost Password