Iron Harvest: un video ci presenta le armate Rusviet del nuovo RTS per PC, PS4 e Xbox One

Iron Harvest: un video ci presenta le armate Rusviet del nuovo RTS per PC, PS4 e Xbox One

Deep Silver e KING Art Games hanno pubblicato oggi maggiori informazioni su Iron Harvest 1920+ rivelando il primo Faction Feature video incentrato sulle armate Rusviet. Il video di oggi è il primo di una serie che introduce le fazioni, le unità e le tattiche che i giocatori potranno padroneggiare in Iron Harvest 1920 +.

Iron Harvest 1920+ racconta una storia epica su tre fazioni ed i rispettivi protagonisti. Ogni fazione offre diverse opportunità tattiche. nelle intense battaglie strategiche. Ciò non solo offre una storia ricca che si sviluppa in oltre 20 missioni di tre campagne, ma garantisce anche un’esperienza multiplayer in cui le tattiche profonde e la strategia battono i clic al secondo in qualsiasi momento. Mappe di sfida aggiuntive consentono di sfidare l’IA da solo o in coop con un amico.

Vi ricordiamo che il gioco arriverà il 1 settembre 2020 su PC, PS4 e Xbox One.

Ecco il video italiano, appena pubblicato su Youtube:

Ecco qualche dettagli ufficiale, annunciato dal publisher.
Dopo la grande guerra e sull’orlo della rivoluzione, la nazione Rusviet sta lottando per mantenere un flusso costante di risorse attivo e funzionante. Risorse di cui hanno un disperato bisogno per alimentare le loro enormi e costose macchine da guerra. Il video di oggi introduce i Mech Rusviet e dà una prima idea su come vengono utilizzati al meglio sui campi di battaglia di Iron Harvest 1920+
Iron Harvest racconta la storia dell’impero Rusviet che affronta lotte interne mentre cerca di mantenere una posizione dominante sui campi di battaglia. I combattimenti ravvicinati con mech pesanti o artiglieria lenta ma altamente devastante devono essere bilanciati quando i giocatori conducono i soldati Rusviet in prima linea.

Svezzato a NES, cresciuto a PlayStation e Xbox e sfamato a PC gaming. Ha accolto con entusiasmo il progetto videogiocare.it. Purtroppo spesso non è d’accordo con il pensiero generale riguardo i giochi, ma qualcuno deve pur cantare fuori dal coro. Il suo motto è: “Bisogna prestare poca fede a quelli che parlano molto”. Oh, non lo ha detto lui, ma Catone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono indicati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Lost Password