No Man’s Sky – Recensione

PC PS4

Il grande sogno di Sean Murray

No Man Sky è un gioco di esplorazione spaziale in prima persona, ma è anche il grande gioco del sognatore Sean Murray di cui, fin dai primissimi trailer e quindi già da molti mesi prima dell’uscita, si è parlato e discusso davvero tanto. Il gioco targato Hello Games ha impressionato fin da subito per il suo stile grafico molto “artistico” e per la vastità dello spazio visitabile dal giocatore: ci sono addirittura di 18 trilioni di pianeti da visitare, ognuno diverso dall’altro e quindi ovviamente impossibili da visitare tutti. Dopo vari rinvii (che sono costati addirittura a Murray alcune minacce di morte) finalmente il gioco è uscito e noi abbiamo avuto moto di provare il nuovo titolo disponibile in esclusiva per PS4 e PC già da qualche giorno. Scopriamo insieme com’è andata…

No_Man_Sky1470752038-5_jpg_1920x0_watermark_q85

Mamma, da grande farò l’astronauta!

Dopo aver provato per alcuni giorni No Man’s Sky, quello che ci sembra più chiaro ed importante che sappiano i nostri fedeli lettori è che No Man’s Sky non è un gioco in senso stretto, quanto soprattutto un’esperienza visiva ed uditiva da vivere virtualmente. Tutto ciò che è gioco nel senso più classico del termine (divertimento, spasso, frenesia o azione) qui non c’è, o è solamente in secondo piano. Tutte fasi più tradizionali (ad esempio i combattimenti) sono le parti meno sviluppate (e, ammettiamolo, anche quelle meno riuscite), quindi chiunque stia valutando l’acquisto del gioco di Hello Games dovrebbe prima di tutto chiedersi cosa sta cercando o cosa si aspetta esattamente da questo gioco.

No_Man_Skycreatures_1456760254_jpg_1920x0_watermark_q85

Se infatti vi aspettate un classico FPS con risvolti GDR e magari una spruzzata di stile artistico, probabilmente No Man’s Sky potrebbe deludervi, perché il grande sogno di Murray non è questo. O almeno, non solo. No Man’s Sky è un’esperienza da vivere. Siete soli, sperduti nello spazio, e dovrete vivere, scegliendo come farlo. Si, certo, c’è il combattimento, ci sono i soliti potenziamenti e c’è il crafting, ma soprattutto qui c’è l’immensità dello spazio.

C’è la sensazione di avere l’universo intero da esplorare, sapendo che una vita soltanto non sarà abbastanza per provare, vedere e sentire tutto quello che vorreste.

Da questo punto di vita, No Man’s Sky è il capolavoro che alcuni aspettavano, ma per tanti altri che (come è lecito che sia) si aspettano meno poesia e più divertimento allo stato puro, il titolo Hello Games potrebbe risultare noioso e ripetitivo, rimanendo delusi perché magari si aspettavano più un Mass Effect in versione FPS, cosa che il titolo Hello Games assolutamente non è.

Un esperienza da vivere, ma non per tutti

No Man’s Sky non è un gioco nel senso più classico del termine, quanto piuttosto un’esperienza da vivere. Mai come nel titolo di Hello Games c’è una sensazione di un universo da scoprire, sapendo che sarà impossibile tutta una vita per vederlo anche solo in parte, il tutto arricchito da un comparto video estremamente affascinante e da musiche ipnotiche e perfettamente in tema. Ma per chi si aspetta un gioco più classico, il grande sogno di Sean Murray rischia di rivelarsi noioso e ripetitivo. A loro consigliamo almeno di provarlo prima di un eventuale acquisto.

Pro

  • Un universo immenso ed affascinante
  • Graficamente splendido
  • Musiche ipnotiche ed affascinanti

Contro

  • Ritmo lento
  • Alcuni potrebbero trovarlo noioso e ripetitivo
8.5

Bello

Webmaster secoli fa di AniGames.it e PlayNow.it, ora fondatore di Videogiocare.it. Appassionato di tecnologia in generale e videogiochi in particolare, inizia il cammino di gamer con una introvabile Irradio TVG 888, per poi innamorarsi completamente del Commodore 64. Il resto è storia. Il suo motto è: "Questo è un problema per il Fabio del futuro".

4 Commenti

  1. Gran bella recensione, avete esaltato la poesia del gioco mettendo in guardia i giocatori più tradizionali.
    Personalmente già ce l’ho e posso solo consigliarne l’acquisto a chi ama il genere 🙂

    Rispondi
  2. Bellissimo, lo prenderò! Amo il genere!

    Rispondi
  3. Mah… non fa per me. Io sono vecchia scuola, ho bisogno di puro divertimento 🙂

    Rispondi
  4. gioco che non ha rispettato le premesse ed è uscito (almeno su PC) con un sacco di bug, grafica approssimativa, textures pasticciate e crafting a più non posso con una componente survival abbastanza trascurabile e/o discutibile.
    Onestamente l’unica cosa di interessante riguardante il titolo sono i mondi procedurali e l’algoritmo che li crea, ma al di la di tutto sembra un gioco per early adopters fatto passare per gioco completo a 70 Euro.
    Prima di comprarlo consiglio a tutti di informarsi sul cosa si sta andando a comprare onde ritrovarsi un pezzo di software incompleto tra le mani.
    forse migliorerà col tempo, per ora consiglio di comprarlo a un prezzo di gran lunga minore.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono segnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Lost Password